#Focus-Ne Me Quitte Pas

Marcel e Bob sono seduti a un tavolino in una casa in pietra nel bel mezzo di una foresta belga. Il legno crepita nella stufa, il vento soffia tra gli alberi e le due fedeli amici annegano i loro dispiaceri nel vino e rum. Entrambi sono alcolisti da lungo tempo, quando le rispettive famiglie li hanno lasciati, e insieme hanno intenzione di suicidarsi. Una storia tragicomica sulla vita di due perdenti cui amicizia reciproca dà loro forza e allo stesso tempo li tira verso il basso. Riuscirà almeno uno di loro ad uscire dal circolo vizioso?
Ne me quitte pas è un'ode tragicomica al fallimento. Ambientato in un piccolo villaggio ai confini del Belgio ci sono Bob e Marcel che condividono la solitudine fiamminga e vallona con brio, umorismo e alcool. Secondo loro, il suicidio è la soluzione migliore quando non se ne può davvero più. Decidono di farla finita insieme, sapendo anche dove: sotto l'albero della vita di Bob.
Bob è un avventuriero in pensione che vuole trascorrere i suoi ultimi giorni in silenzio, mentre Marcel ha una famiglia che vuole perdere. Il tempo nel villaggio trascorre lentamente: si taglia la legna e il bere riempie il resto del tempo.
Ne me quitte pas è un dramma sulla vita ai margini della società che contiene bellezza e una prospettiva che fa riflettere. L'apertura dei personaggi principali è conflittuale e dolorosa, ma anche divertente e affascinante. E 'una storia in cui il tempo sembra essersi fermato.
In stile cinematografico diretto vediamo un carnevale vallone, un incidente d'auto e si assiste ad un fallito tentativo di trovare il figlio di Bob; ma la autocommiserazione non viene spesa su questi due belgi. Insieme sono forti: Marcel decide di smettere di bere e Bob si rifiuta di accompagnarlo in riabilitazione.
Ne me quitte pas di Niels van Koevorden e Sabine Lubbe Bakker è stato premiato come Miglior Documentario e Secrets of War, proposto a Toronto, come Premio Speciale della Giuria. Il Premo del Pubblico è andato al documentario The New Wilderness.

Sotto leggete un'intervista ai due registi Sabine Lubbe Bakker e di Niels van Koeverden Ne Me Quitte Pas (Do not Forget Me). Il film prende il nome da una canzone di Jacques Brel, il cui tono fervido si adatta bene ai suoi soggetti arruffati. Marcel e Bob sono migliori amici. All'inizio del film la moglie di Marcel lo lascia, il che gli dà più tempo da passare con Bob: le loro bevute epici scandiscono con regolarità il film, andando in un territorio sempre più pericoloso come in una spirale verso il basso fino a perdere la strada.

Intervistatore: Come hai trovato Marcel e Bob?

Koeverden: Siamo entrambi cresciuto in Belgio, abbiamo iniziato un viaggio su strada, ma la prima cosa che abbiamo fatto è stata andare da Bob perché lo conoscevo già, è stato uno dei personaggi del mio primo film. Ci siamo andati per girare questa storia politica sul Belgio, e quando siamo arrivati ​​al villaggio e abbiamo iniziato a girare -

Bakker: Abbiamo incontrato Marcel -

Bakker: Abbiamo pensato a queste persone in un modo diverso da quello che normalmente pensa la gente, perché sono spietati, sono ubriachi per tutto il tempo, a loro non importa, a loro non importa circa il successo nella vita, loro non vogliono spostarsi verso l'alto. Ti senti come si sente chi desidera aiutarli. Stiamo tutti vivendo in queste città dove tutto ha un ritmo molto veloce e vogliamo avere tutti successo, vogliamo questo e quello, loro vogliono essere liberi e vogliono bere e vogliono fare ciò che vogliono. E così significa anche che vogliono distruggere se stessi ogni tanto, vogliono guidare ubriachi, ma è il loro modo di essere.

Koeverden: A volte le persone si arrabbiano quando guardano come un film su due alcolizzati, perché poi si tratta di capire se riusciranno ad uscirne o meno, ma per noi è stato un film su l'amicizia tra due ragazzi e non su due alcolisti.

Bakker: Sono come in attesa di Godot. Esistono e aspettano.

Intervistatore: All'inizio Marcel sta tessendo e colpisce la telecamera a testa alta. Quando stavate girando e sapevate che stavano per essere ubriachi, come avete deciso dove posizionare voi stessi?

Koeverden: Non avevamo studiato niente, stavamo lì a vedere cosa succedeva, facendo parte della scena.

Bakker: E noi non importava tanto se stava andando a sbattere contro la telecamera. Voglio dire, è ciò che accade. Devi solo cercare di farlo nel miglior modo possibile.
collettivo.psicologia sinestesiateatro unito videocommunity cineteatrobaretti serenoregis psychetius arci cecchipoint officinecorsare